carrello

Rivista Anarchica Online




Scarica l'articolo (pdf)



Nota dell'autrice

In questo periodo di confinamento ho trovato in molti gruppi di mamme, e non solo, delle pubblicità consigliate che vendevano farfalle in scatola, per far crescere una farfalla "fai da te". Così con la scusa della liberazione finale (se si è riusciti ad allevare bene il bruco e a far sì che finalmente riesca a fare la sua crisalide e poi a uscirne) ci sentiamo in potere di sostituirci all'ambiente, alla cosiddetta madre natura, senza avere minimamente idea di cosa stiamo facendo.
La farfalla è uno dei simboli più comuni di libertà e ora si compra online e ti arriva in scatola! Puoi ordinarla per feste e matrimoni! Lo trovo terribile.
L'acquisto di farfalle viene anche sponsorizzato come un atto di aiuto all'ambiente in quanto promuove il ripopolamento di farfalle, oltre a rendere più belle le nostre città, ecc.
Io avevo letto anni fa il libro La battaglia delle farfalle di Peter Laufer, un testo molto interessante che parla del giro di affari di allevatori e trafficanti di farfalle, così ho pensato fosse interessante mettere insieme qualche spunto di riflessione in questo periodo.
Con tre pagine di disegni è chiaro che ho potuto toccare solo alcuni punti, ma spero che possano fare riflettere. L'idea è sempre di invogliare a informarsi e approfondire.

Valeria De Paoli