carrello

Rivista Anarchica Online


 

Editoria

Vaccini. L’entrata in vigore dei nuovi obblighi vaccinali stabiliti nel 2017 ha aperto un dibattito nella società italiana sulla natura dei vaccini, la loro utilità o pericolosità e il metodo autoritario adoperato dallo Stato. Il libro di Françoise Berthoud Vaccinare i nostri figli? Il punto di vista di tre medici (La Tana edizioni, Torre Pellice 2018, pp, 80, € 5,00) riporta le varie opinioni, anche divergenti, sulla questione e che deriva dall’esperienza di una donna che da tutta la vita si occupa di medicina.

La Tana
www.latanaedizioni.noblogs.org


Anarchismo oggi. Dare un'idea pur sommaria del pensiero anarchico e dei metodi libertari in poche pagine non è certo un compito facile, giacché non si può, nel caso dell'anarchismo, ricondurre tutte le sue interpretazioni alle teorie di un'unica personalità e, in secondo luogo, queste non sono affatto espressione di una ideologia cristallizzata. D'altronde, le sue manifestazioni sono molteplici e non sempre convergenti. Riassumere l'anarchismo in una frase è però relativamente facile: l'anarchismo è l'esigenza di porre la nostra vita sotto il duplice marchio della libertà degli individui e dell'uguaglianza sociale tra essi, il rifiuto di abbandonare uno di questi princìpi per privilegiare l'altro, e la creazione di un tipo di organizzazione della società che permetta il conseguimento continuo di questi obiettivi.
Una trentina d'anni dopo il crollo dei regimi socialisti autoritari, in un'epoca in cui, di fronte alle crescenti disuguaglianze sia all'interno dei nostri paesi occidentali sia nelle diverse regioni del globo, le risposte più diffuse sono i regimi autoritari o totalitari, ci sembra chiaro che la proposta di una società anarchica sia più auspicabile e più urgente che mai.
Tutto sta quindi nel metterla in pratica nel contesto che ci appartiene: il volume Per un anarchismo del XXI secolo (Ragusa 2019, Collana La Rivolta, pp. 51, € 4,00) scritto dalla Federazione Anarchica francofona si propone di dare una prima idea delle motivazioni della nostra rivolta e di delineare dei percorsi che possiamo assegnarci nel XXI secolo per emanciparci, nella misura del possibile, dallo sfruttamento e dalle oppressioni che costituiscono la nostra quotidianità, e nel contempo preparare l'avvento di una società basata su meccanismi coerenti con le nostre aspirazioni libertarie ed egualitarie.


Antigruppo. Lo studio di Salvatore Laneri (La parola in azione. Poesia e prassi antagonista negli scrittori antigruppo (1968-1975). Sicilia Punto L, Ragusa 2019, pp. 288, € 20,00) ricostruisce la parabola storica dell’Antigruppo siciliano attraverso il doppio filtro della produzione letteraria e della pratica culturale.
L'Antigruppo non fu un movimento di artisti immersi nel proprio mondo, ma una realtà antagonista che cercò di ricondurre il ruolo dei protagonisti all'interno del processo di rottura col sistema in atto negli anni a cavallo tra i sessanta e i settanta.
Vi troviamo intellettuali come Ignazio Apolloni, Alfredo Bonanno, Santo Calì, Crescenzio Cane, Rolando Certa, Gianni Diecidue, Nicola Di Maio, Vincenzo Di Maria, Elvezio Petix, Nat Scammacca, Pietro Terminelli, ecc., ognuno a suo modo coinvolto nelle vicende dell'epoca e inserito, con la propria produzione culturale e attitudine personale, nella grande rivoluzione culturale e politica esplosa con il sessantotto, di cui ne fu anche, a modo suo, precursore.
L'Antigruppo attuò una frattura e una feroce polemica con l'intellighenzia letteraria del periodo, come il Gruppo 63, ancorata alle grosse case editrici istituzionali. Fu anche il naturale collante con la controcultura americana, traducendo poesie e scritti e attuando un felice interscambio Sicilia-Stati Uniti.
Il lavoro di Laneri ha il pregio di prendere in considerazione, oltre al carattere prettamente letterario, anche quello politico dell'Antigruppo, restituendoci un'esperienza che ha segnato un'epoca, non solo in Sicilia.

Richieste, pagamenti, prenotazioni e contributi vanno indirizzati a: Associazione Culturale Sicilia Punto L, via Garibaldi 2/A - 97100 Ragusa. Conto corrente postale n. 1025557768 - info@sicilialibertaria.it - www.sicilialibertaria.it.
Per richieste uguali o superiori alle 5 copie dello stesso titolo, sconto del 40%.


Biblioteca F. Serantini
Associazione amici della Biblioteca F. Serantini

7 maggio 2019

Una serata in ricordo di
FRANCO SERANTINI

1972-2019

Dopolavoro Ferroviario, Piazza della Stazione 16 – Pisa

dalle ore 21
musica, danza e teatro a cura di Carlo Scorrano del Teatro Nuovo
Danza, musiche a cura di “Musica Meridiana” (Maria Piscopo e Francesco Salvadore) con la partecipazione di Benedetta Pallesi

alle ore 18
Presentazione della nuova edizione de “Il sovversivo. Vita e morte dell'anarchico Serantini” di Corrado Stajano, disegni di Costantino Nivola, Milano, Il saggiatore, 2019.
Intervengono: Franco Bertolucci e Michele Battini.

Ingresso libero